CONTATTI - Palio dei Normanni - Piazza Armerina

Sito ufficiale del Palio dei Normanni
Vai ai contenuti

Menu principale:



La Sicilia araba non aveva più nell’XI secolo un governo unitario, ma esso si era frammentato, per le discordie interne, in tanti emirati tutti rivali fra loro. Una feroce discordia fu quella tra l’emiro di Catania Ibn ath Thumnah e suo cognato il kaid di Enna, Ibn al Hawwas al punto che il potentissimo emiro di Catania, si fece ricevere, nel 1061 a Mileto in Calabria, alla corte del Conte Ruggero per chiedere aiuto contro il cognato. Ai Normanni non parve vero che si fosse schiusa una finestra sul loro sogno, quello di visitare finalmente la Sicilia. I Normanni accondiscesero ad aiutare l’emiro e così, un piccolo esercito normanno capitanato dal Conte Ruggero d’Altavilla e dal fratello Roberto il Guiscardo con l’aiuto di Ibn ath Thumnah e da drappelli cristiani siciliani, nel 1061 sbarcò a Messina occupandola. Era l’inizio di un’epopea fortunata culminata nella totale conquista dell’Isola con gran gioia pure del papa Alessandro II a cui Ruggero inviò, dopo la battaglia di Cerami del 1063, una delegazione e l’omaggio di quattro cammelli tratti dal bottino di guerra.

Il Papa ringraziò e inviò, a sua volta, come dono un vessillo con l’effigie della Madonna da consegnare ai combattenti come protezione sui campi di battaglia, icona che la devozione vuole sia stata donata al municipio di Piazza dallo stesso Gran Conte e custodita nella cattedrale. I piazzesi, custodi del Vessillo pontificio dell’Assunta, donato dal papa al conte Ruggero, chiusero l’icona in una cassa di legno e la seppellirono in un luogo sicuro, sotto l’altare della chiesetta di S. Maria di Piazza Vecchia, dove fu ritrovata più tardi, nel 1348, anno della grande peste che decimò le popolazioni di tutta Europa. Il ritrovamento miracoloso della sacra icona della Vergine fu reso possibile, secondo la tradizione, da un sogno rivelatore del sacerdote Giovanni Candilia che abitava nella contrada omonima. L’icona ritrovata fu portata in trionfo dall’eremo di campagna alla Chiesa di S. Maria Maggiore di Piazza dai cittadini scampati alla pestilenza.

PIAZZA  ARMERINA


Sede: Chiesa San Giacomo
94015 Piazza Armerina
E-mail: info@paliodeinormanni.com
Phone: +39 0935 681641



COMPILA IL FORM QUI SOTTO
Sito realizzato dal Magistrato dei Quartieri
Torna ai contenuti | Torna al menu